VOUCHER: NECESSARIA ABOLIZIONE E NUOVO STRUMENTO CHE CONTRATTUALIZZI IL LAVORO OCCASIONALE. GOVERNO FISSI AL PIU’ PRESTO LA DATA DEL REFERENDUM.

I voucher sono uno degli strumenti che hanno impoverito il lavoro rendendo ancora più fragili e precari i giovani lavoratori e le fasce più deboli della nostra società. Hanno esteso la precarietà, le diseguaglianze e l’insicurezza sociale. Per questo non possono essere riformati e non bastano operazioni di correzione.

Il Parlamento li può abolire come chiesto da Sinistra Italiana, unica forza politica ad aver presentato una proposta abrogativa, o saranno gli italiani a farlo con il prossimo referendum.

Dopo il referendum è necessario creare un nuovo strumento che contrattualizzi il lavoro occasionale. Le altre proposte di legge di diversa regolamentazione dei voucher e/o di correzione sono più legate alla campagna elettorale o congressuali che agli interessi dei nuovi precari dei voucher.

Il governo rispetti i tanti cittadini che hanno chiesto il referendum sul lavoro e fissi al più presto la data per il voto referendario. Sinistra Italiana chiede da tempo l’unificazione in un election day del voto amministrativo con i referendum sociali promossi dalla CGIL.

Il governo è in ritardo.

Giorgio